Esplora contenuti correlati

MASTERCLASS: AL LIMITE DEL BOSCO

19/01/23

Hai tra i 19 e i 25 anni? Vivi nell'ambito Visconteo? Non perdere i corsi per esplorare gli elementi naturali che caratterizzano il territorio del PARCO AGRICOLO SUD presso MUSA Museo Salterio - Officina del Gusto e del Paesaggio.

INFO
FORMATTART@GMAIL.COM

CELL. 3421472268

ACCESSO GRATUITO


Strategie creative per trovare vie d’uscita dallo spaesamento causato dalla pandemia.

APPUNTAMENTI:

GENNAIO 
Sab 21 8h (dalle 9:30 alle 18:30)            Dom 22 4h (dalle 9:30 alle 13:30) 

FEBBRAIO
Sab 18 8h (dalle 9:30 alle 18:30)             Dom 19 4h (dalle 9:30 alle 13:30)

MARZO
Sab 18 8h (dalle 9:30 alle 18:30)              Dom 19 4h (dalle 9:30 alle 13:30) 


APRILE 
Sab 15 8h (dalle 9:30 alle 18:30)               Dom 16 4h (dalle 9:30 alle 13:30) 


MAGGIO
Sab 20 8h (dalle 9:30 alle 18:30)                Dom 21 4h (dalle 9:30 alle 13:30) 

GIUGNO 
Sab 17 8h (dalle 9:30 alle 18:30)                 Dom 18 4h (dalle 9:30 alle 13:30) 

Sab 24 8h (dalle 9:30 alle 18:30) prove per RESTITUZIONE FINALE

*Dom 25 4h (dalle 9:30 alle 13:30) performance restituzione finale aperta al pubblico

 

Conoscete Cosimo Piovasco di Rondò?

Cosimo decide di vivere sugli alberi e non toccare mai la terra.

Protagonista della storia scritta da Italo Calvino, il Barone rampante, è una ragazzino di dodici anni figlio di una famiglia nobile. E’ forte e rapido nello spostarsi da un albero all’altro, veste indumenti fatti da lui a seconda della necessità e la sua casa è una capanna (ovviamente su di un albero) che perfeziona giorno dopo giorno per renderla più confortevole. E’ testardo e irremovibile nelle sue decisioni e ha il coraggio di ribellarsi inizialmente ai suoi genitori e in seguito al mondo intero. Le sue virtù più forti sono la costanza, che ha sin da bambino, e l’orgoglio, tanto che non vuole farsi vedere da nessuno toccare terra neanche da morto, per essere sepolto. 
E poi c’è Viola, la figlia dei Marchesi d’Ondariva, vicini della famiglia di Cosimo. che si fa desiderare, si mette in mostra ed è molto viziata… ma c’è l’amore di mezzo.

A partire dalle parole di Calvino, esploreremo il Parco Agricolo Sud attraverso la danza, la fotografia e il video.

 

COSA FAREMO?

  • DANZA – Landscape. Portrait. Laboratorio tra Danza e fotografia
    Il laboratorio prevedrà una parte dedicata al movimento in sala e all’aperto condotta da Formatori Fattoria Vittadini e una parte dedicata alla fotografia. La parte del movimento si rifà al linguaggio della danza contemporanea. Il training sarà un connubio tra diverse pratiche: dallo yoga, al floorwork e al release, fino ai codici improvvisativi legati al teatro nel paesaggio. Questa parte di movimento sarà in parte in sala e in parte all’aperto per costruire un rapporto fluido con lo spazio, capace di mutare lo sguardo di chi agisce e allo stesso tempo, la fisionomia del paesaggio stesso. Il laboratorio avrà inoltre anche una piccola parte dedicata alle tecniche della fotografia (sia in sala sia all’aperto con la luce naturale). Attraverso l’uso di una macchina fotografica/fotocamera del telefono, si studieranno le tecniche base di fotografia, iniziando a sperimentare il proprio personale punto di vista.
  • PRODUZIONE VIDEOTecniche di produzione audiovisiva, dalla sceneggiatura, realizzazione e post produzione.
    Oltre alle foto/videocamere, saranno utilizzate GoPro e drone. E’ previsto un fine settimana di approfondimento su utilizzo del drone, dalla tecnica ripresa alla normativa.
    Alla fine dei percorsi di formazione sarà realizzata dai partecipanti, una performance aperta al pubblico presso la sala multimediale del Museo Salterio.

PER CHI?

Giovani 17/25 anni che risiedono, studiano e/o lavorano nell’Ambito Visconteo con particolare attenzione a chi risiede nei comuni limitrofi al Museo del Salterio.

DOVE?

Il progetto si realizzerà presso gli spazi del Museo del Salterio e nelle aree del Parco Agricolo Sud limitrofe al Museo. Il Museo del Salterio diventerà spazio culturale, artistico performativo aperto ai giovani del territorio valorizzando anche l’ambiente naturale circostante (Parco Agricolo Sud in particolare l’oasi naturalistica della Casina Sant’Alberto, partner dell’ATI di gestione del MUSA).

CHI SIAMO?

La rete progettuale è composta, oltre che dal capofila ForMattArt, dal Comune di Zibido San Giacomo, da Fattoria Vittadini e da Energheiaimpresa sociale ente accreditato ai servizi al lavoro accreditata presso la Regione Lombardia alla sezione B degli operatori che offrono percorsi formativi di istruzione e formazione professionale, specificamente: specializzazione professionale, formazione continua, formazione permanente e formazione abilitante. ForMattArt è Ente accreditato Piano delle Arti MIUR, dal marzo 2022 è partner dell’ATIche gestisce il Museo del Salterio a Moirago – Zibido San Giacomo e dal 2019 partner di progetti di sensibilizzazione sul tema della legalitàrivolte alle scuole e dei minori e giovani dell’ambito Visconteo attraverso linguaggi artistici e performativi.

La collaborazione con Energheia è consolidata soprattutto per percorsi formativi e di orientamento al lavoro che ci permetterà cosìcome la collaborazione con Fattoria Vittadini , realtà artistica performativa importante sulla scena milanese e che, oltre alla qualità del lavoro artistico, presta grande attenzione a percorsi inclusivi.


locandina AL LIMITE DEL BOSCO_page-0001
torna all'inizio del contenuto