Sei in : Home page » Comune » Spazio Comune » Archivio comunicazioni » 2013 » Sostegno al grave disagio economico e morosità incolpevoli


Sostegno al grave disagio economico e morosità incolpevoli


SERVIZI AL CITTADINO

Sostegno al grave disagio economico e alle morosità incolpevoli

 

Regione Lombardia ha approvato, con DGR n. 365 del 4/7/2013, il bando “Fondo finalizzato all’integrazione del canone di locazione ai nuclei familiari in situazione di grave disagio economico e sostegno delle morosità incolpevoli - Anno 2013”, con il quale sono state introdotte due linee di intervento a favore delle famiglie che hanno sottoscritto un contratto d'affitto oneroso sul mercato privato. I Comuni, a cui è affidata l’attuazione delle iniziative, così come specificato nell’all.1 del provvedimento, concorreranno con una quota pari al 40%, calcolata sui fondi regionali trasferiti. Saranno tenuti inoltre a comunicare a Regione Lombardia l’adesione al Fondo e istituire lo sportello affitto dal 2 settembre al 31 ottobre 2013.

 

Destinatari ed entità del contributo

-      Linea di intervento 1 grave disagio economico

Potranno beneficiare del provvedimento i cittadini in difficoltà nel pagamento dell’affitto, titolari di contratti di locazione stipulati sul libero mercato, efficaci e registrati per l’anno 2013, con isee-fsa 2013 fino a:

  1. € 4.131,66, se determinato dal concorso di redditi e patrimoni posseduti al 31.12.2012;
  2. € 8.263,31 se determinato dal concorso di redditi e patrimoni posseduti al 31.12.2012 e da due pensioni al minimo (ed equivalenti) certificabili; i titolari delle due pensioni devono far parte dello stesso nucleo familiare.

Il valore massimo del contributo erogabile è € 1.000,00.

-      Linea di intervento 2 morosità incolpevole

Potranno beneficiare del provvedimento i cittadini che si trovano in situazione di morosità incolpevole per il concorso delle seguenti condizioni:

  1. mancato pagamento di almeno 3 mensilità del canone di locazione alla data di presentazione della domanda
  2. isee-fsa 2013, calcolato sui redditi al 31.12.2012, pari o inferiore al canone di locazione annuo rilevabile dal contratto; quest’ultimo deve essere di importo non superiore a 6.000 €.

Il contributo sarà erogato direttamente al proprietario dell’alloggio, che si impegna a non aumentare il canone di locazione e a non attivare procedure di rilascio per i mesi in cui percepisce il contributo.

Il valore massimo del contributo erogabile è € 1.500,00.

 

Richiesta di contributo

Per entrambe le linee di intervento le domande possono essere presentate dal 2 settembre al 31 ottobre 2013 ai seguenti soggetti:

a)    Comune nel cui territorio è ubicata l'unità immobiliare oggetto del contratto di locazione;

b)    Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale (CAAF) convenzionato con il Comune;

c)    altro soggetto convenzionato con il Comune;

d)    soggetti abilitati alla stipula della Convenzione nazionale, di cui all’art. 2 della legge n. 431/1998, fermo restando l’obbligo di certificazione e trasmissione della domanda mediante CAAF convenzionato.

I due contributi sono alternativi e non cumulabili tra loro.

In caso di sottoscrizione di più contratti nel 2013, può essere presentata una sola domanda.

Regione Lombardia mette a disposizione di Comuni, CAAF convenzionati e altri soggetti apposita procedura informatica, per agevolare l’accesso agli interventi, ridurre i tempi di erogazione e costituire un archivio informatico dei beneficiari.

 

Informazioni

Per maggiori informazioni consultare il sito della Direzione Generale Casa, Housing Sociale, Pari Opportunità: www.casa.regione.lombardia.it

 

Referenti

Antonio Carofaniello              tel. 02 6765 4426     antonio_carofaniello@regione.lombardia.it

Emanuele Busconi              tel. 02 6765 2878     emanuele_busconi@regione.lombardia.it

Roberto Nebuloni                   tel. 02 6765 2866     roberto_nebuloni@regione.lombardia.it

 

Fonte

DGR n. 365 del 4/7/2013, pubblicata sul BURL n. 28 del 12/7/2013 – serie ordinaria.

 

Icona documento 'Formato PDF'infocomuni_n_10.pdf (formato PDF - 52 KB)