Sei in : Home page » Comune » Spazio Comune » Archivio news » news_2017 » Emergenza migranti

INFO

Ufficio stampa

Claudio Trementozzi
Tel. 02.4860.1721
Cell. 335.6671.574

zibido@ctrcomunicazione.info


Emergenza migranti


SPAZIO COMUNE

Zibido San Giacomo (16 maggio 2017) – “Insieme alle parrocchie e ad altre realtà presenti sul territorio stiamo, con fatica e difficoltà, individuando un percorso che probabilmente ci condurrà ad aderire allo SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), supportato da un progetto di accoglienza il più possibile condiviso con i cittadini”: il sindaco di Zibido San Giacomo Piero Garbelli ha scritto oggi alla Prefettura di Milano sottolineando che non sarà presente alla firma del protocollo sull’emergenza migranti prevista giovedì 18 maggio con il ministro dell’Interno Marco Minniti.

Nessuna chiusura nell’affrontare il problema, ma solo la richiesta di tempo per proseguire la fase di verifica ed effettuare “approfondimenti sulla possibilità di accogliere i richiedenti protezione internazionale”.

“Infatti – precisa il sindaco Garbelli – il termine ‘accogliere’, se riferito a esseri umani, va attentamente considerato in tutti i suoi aspetti di alloggio, mantenimento, lavoro e infine integrazione nel tessuto sociale locale. Aspetti legati al tema migranti che, nella loro complessità, necessitano di una progettualità mai fatta dal Comune di Zibido San Giacomo, il cui poco personale presente è già oberato dalle incombenze quotidiane”.

Con parrocchie e realtà sociali del territorio è stato individuato un percorso per arrivare, possibilmente, allo SPRAR. “Consideriamo però la condivisione dei cittadini – prosegue il primo cittadino - un fattore indispensabile, se si vuole una vera e seria integrazione delle persone e non si ragiona esclusivamente in termini numerici”.

“In questa fase lunga e difficile di crisi – evidenzia il primo cittadino – dobbiamo prestare attenzione ai nostri cittadini, pur non chiudendo gli occhi su un fenomeno sicuramente non di breve durata e che non possiamo ignorare. Abbiamo deciso di seguire l’unica strada, secondo noi, percorribile per un piccolo Comune come il nostro”.

Una volta chiarito, definito e condiviso il progetto con la cittadinanza e il Consiglio comunale, l’amministrazione sarà pronta a firmare un accordo con la Prefettura di Milano.
 


 

Icona documento 'Formato PDF'nota_alla_prefettura.pdf (formato PDF - 210 KB)
Icona documento 'Formato PDF'protocollo_della_prefettura.pdf (formato PDF - 5726 KB)