Sei in : Home page » Comune » Spazio Comune » Archivio news » 2014 » Comunicato stampa

INFO

Affari generali e progettualità

Piazza Roma, 1
20080 Zibido San Giacomo (MI)

Gabriella dott. Fontana
Tel. 02.90020.236
Fax 02.90020.238
» e-mail


Comunicato stampa


COMUNICATI STAMPA


Riqualificazione Salterio-Museo del gusto: nessun blitz, nessun sequestro, i lavori proseguono

Smentite le voci diffuse da un esponente della minoranza. Gli uomini dell'Arma hanno fotocopiato alcune delibere. L'Amministrazione aveva istituito anche una Commissione di studio come azione di massima trasparenza

Zibido San Giacomo (28 ottobre 2014) – Nessuna denuncia. Nessuna “presunta irregolarità nelle procedure”. Ma una richiesta di intervento agli organi di polizia giudiziaria per acquisire gli atti amministrativi relativi al progetto del Museo del gusto, nell'ex cascina Salterio.

“Abbiamo sempre insistito perché in ogni atto amministrativo – evidenzia il sindaco Piero Garbelli – venisse garantita, a ciascun livello, la massima trasparenza. Per questo riteniamo sia assolutamente in linea con la nostra azione quotidiana di amministratori pubblici la decisione di far chiarezza da parte dei carabinieri, acquisendo copia delle delibere che riguardano uno dei progetti più importanti per Zibido San Giacomo. Tra l'altro, abbiamo istituito già nei mesi scorsi una specifica Commissione di studio, aperta anche alle forze politiche di minoranza. Il Consiglio Comunale – sottolinea il primo cittadino – ha anche preso atto delle conclusioni dei lavori della commissione, senza rilevare nuovi temi da approfondire ”.

Sulla questione, l'esponente dell'opposizione ha mescolato e confuso una serie di vicende, dalle indagini che riguardano alcuni appalti di Expo 2015, di cui Zibido è estranea, ad altre di natura più tecnica che hanno ricevuto risposte circostanziate in ogni sede istituzionale. Tra queste ultime, la richiesta di ridurre i costi per le opere di abbellimento, destinando la spesa invece a lavori ritenuti fondamentali per il completamento dell'opera. “Mi sembra ovvio – precisa il sindaco – che i fondi debbano essere prioritariamente destinati alle opere indispensabili, piuttosto che a dettagli estetici oggettivamente ingiustificati in un momento in cui occorre verificare con attenzione qualunque intervento di spesa pubblica”.

Nelle accuse dell'esponente politico di minoranza, anche il riferimento a presunti ricorsi al Tar o esposti degli operatori.

Ci risulta un unico ricorso al Tar – dice Piero Garbelli – presentato da un operatore verso il quale, tutelando gli interessi dei cittadini e dell'ente locale, abbiamo deciso di escutere una fideiussione, recuperando soldi nel pieno rispetto degli accordi contrattuali. Le 'condotte gravi e non trasparenti' di cui parla il consigliere si trovano probabilmente nella memoria degli avvocati che hanno chiesto l'intervento del tribunale amministrativo, non certo in un'ordinanza dei giudici. Nulla, invece, sappiamo dei 'diversi' ricorsi o esposti che il consigliere afferma di conoscere”.

I lavori non hanno subito alcun rallentamento e tra poco saranno ultimati. Una parte importante di Cascina Salterio, quella pubblica, torna a vivere e sotto i suoi portici si parlerà di alimentazione, gusto e paesaggio in sintonia con i temi di Expo 2015, ma anche per il dopo, valorizzando il territorio del sud ovest milanese e i suoi prodotti.

“Confidiamo – conclude il sindaco – che anche gli operatori privati facciano la loro parte perché l’intero complesso possa essere completamente riqualificato entro breve e restituito nel suo complesso ai cittadini”.